Rispondere alla domanda "come vestirsi per" sarà un pochino più facile grazie ai nuovi video tutorial disponibili sul mio canale YouTube. Leggete qui, scoprite i primi consigli di base e i link ai miei Fashion Tips!
HomeModaCome vestirsi per...? Una domanda a cui voglio aiutarvi a rispondere. Con...

Come vestirsi per…? Una domanda a cui voglio aiutarvi a rispondere. Con questo articolo e con i miei video su YouTube

Author

Date

Category

Quante volte ci fermiamo dubbiose davanti all’armadio domandandoci: come vestirsi per questa occasione? Ci sono tante risposte, perché tanti sono i momenti della vita in cui occorre scegliere l’outfit giusto. Ma è anche vero che ci sono dritte e consigli intramontabili, che soddisfano esigenze sempre valide. Una ad esempio è quali indumenti scegliere per costruire un impeccabile outfit “a strati”, ideale anche nella stagione autunnale che stiamo vivendo. Un altro imperativo di stile è valorizzare il nostro fisico con gli abiti adatti, risultando più snelle e minimizzando i punti critici. O ancora – soprattutto se abbiamo superato gli anta – evitare di dimostrare più anni di quelli che abbiamo.

come vestirsi per

Mi sembrano già tre punti importanti da approfondire, a completamento di una serie di video tutorial che trovate sul mio canale You Tube!Dal decluttering alla definizione di una guardaroba capsule (o quasi), sono diversi i temi che tratto.

Non perdeteveli iniziando dalla presentazione che ho già pubblicato!

Se volete guardarli ora ecco gli argomenti più attuali!

  • I cappotti: i modelli più trendy e consigli su come indossarli in base al body shape
  • I capi evergreen che non passano mai di moda e dobbiamo tenere nel guardaroba

Come vestirsi per…creare un outfit a strati a prova di sbalzi termici

Partiamo con un intimo comodo ed essenziale, che sia anche bello da vedere (o intravedere), sotto una blusa. Underwear e camicia sono infatti una coppia che – negli outfit a strati – forma quasi un unicum, soprattutto se la seconda è in chiffon o in un tessuto vedo-non vedo come l’organza. In questo caso sono da evitare reggiseni tinta carne e ancora peggio in silicone, a favore di intimo coprente e dalle linee semplici come la collezione Natural Fit di Intimissimi.

Può succedere che passando da esterni freddi ad interni caldi, si senta la necessità di togliere la giacca o il pullover. Ciò che sta al di sotto non può essere lasciato al caso. Una buona soluzione è quella di scegliere un top o una canotta aderente, meglio se tono su tono rispetto alla blusa, che così potrà essere anche sbottonata se la situazione informale lo permette. Difficile che succeda in inverno, ma è una dritta adatta alla primavera che mi sento di darvi qui. Un bell’underwear diventa un sottogiacca da mostrare senza paura se, repentini cambi di temperatura (al rialzo), dovessero indurci a eliminare la camicetta durante la nostra giornata fuori casa.

Dall’intimo agli accessori, i capi base per un look a cipolla pieno di stile

Nel look a cipolla un ruolo importante lo svolge lo strato che ci assicura la protezione dal freddo e che nella stagione autunno-inverno è sicuramente il maglione. Guardate su You Tube la mia guida ai pullover da avere assolutamente!

Il modello più versatile quando ci si veste a strati sembra essere il cardigan e non è difficile capire il perché. È aperto davanti, ma si può chiudere – con immediato effetto cocoon antigelo – con i bottoni o con una bella spilla-gioiello. Quando ci ritroviamo in un posto chiuso dove la temperatura sale…basta aprirlo appena appena per evitare di sudare all’improvviso in maniera eccessiva.

Ma per soddisfare appieno i dubbi su come vestirsi per un look a strati, credo manchi un accessorio. La sciarpa-foulard, a partire da un evergreen come la pashmina. Non serve infatti che sia troppo spessa e pesante, quanto che possa essere avvolta e legata morbidamente intorno al collo per affrontare il vento. Se il freddo si fa sentire improvvisamente, aprendola e allargandola sulle spalle come uno scialle, ci garantirà uno strato supplementare anche al di sopra del cappotto o del trench.

Come vestirsi per sembrare più magra?!

Rispondere ai quesiti “come vestirsi per…” significa innanzitutto partire da un nodo cruciale. Il body shape! La nostra tipologia fisica è ciò di cui dobbiamo tenere conto. Per valorizzare il nostro corpo non tutte abbiamo bisogno delle stesse cose. Anche risultare più snelle e magre può voler dire nascondere pancetta e maniglie dell’amore per qualcuna, oppure sfilare fianchi abbondanti per altre!

Se volete approfondire e individuare il vostro body shape, provate a leggere questo mio articolo dedicato ai costumi, dove spiego più nei dettagli le principali categorie fisiche femminili.

Qui affrontiamo nello specifico la questione punto vita, che spesso sembra lasciarsi come unica soluzione quella di abiti sformati o extra large, modello sacco dell’immondizia. Nulla di più sbagliato, perché almeno 5 sono i piccoli trucchi nascondi pancetta!

Primo. Abiti, graziosi e super femminili, che riprendano il modello ‘stile impero’ stringendo sotto il seno e cadendo più morbidi su busto e fianchi. Questo taglio consente di valorizzare e attirare l’attenzione sulla parte alta del busto – anche se non siamo particolarmente prosperose. In più, allargandosi e diventando più fluido scendendo verso le gambe, il vestito nasconderà perfettamente qualche rotondità in più.

Secondo. Sempre negli abiti, anche il modello a trapezio si presta a scivolare sul corpo e mimetizzare la pancetta. Questi vestiti, che ricordano molto gli anni Settanta, sono adatti a chi magari – pur con un punto vita poco definito – ha delle belle gambe. Non per forza lunghe e da top model, ma ben tornite e proporzionate! I mini abiti a trapezio, in tessuti leggeri come lo chiffon e in stampe mini come microfiori o pois, sapranno celare perfettamente un punto debole per scoprirne e metterne in mostra uno forte.

Altri piccoli consigli e soluzioni per un outfit a prova di pancetta!

come vestirsi per

Terzo. Bluse e felpe (o pullover) dal taglio dritto e morbido, non troppo corte. Quando si ha la pancetta occorre per forza fare qualche rinuncia e in cima alla lista ci sono tutti i capi (troppo) aderenti o (troppo) elasticizzati. Questo non significa che dobbiamo rinunciare ad un paio di leggins o jeans skinny – soprattutto se il nostro tallone d’Achille è la vita e non le gambe. Sopra, però, è consigliabile un maglione che non segni, ma scivoli verso i fianchi. Possiamo anche sceglierlo extra large, ma per evitare la piattezza dell’effetto sacco deve qualche dettaglio originale. Applicazioni gioiello o giochi di texture. Senza esagerare.

Quarto. Forse è il più scontato, ma qualche volta davvero non ci si pensa! Un buon intimo contenitivo. Non per forza deve essere brutto e mortificante, e può risolvere gran parte dei nostri crucci quando ci domandiamo comi vestirsi per sembrare più magra. Ormai ci sono tante soluzioni a partire da comode guaine o body modellanti, ma anche collant che aiutano a sostenere i glutei e contenere la zona del ventre. Da Tezenis ne trovate tantissimi!

Quinto. Se le vostre rotondità problematiche stanno attorno al punto vita, ma avete belle spalle e un bel seno, anche giocare con la scollatura a V – che slancia la figura e verticalizza – e magari un bell’accessorio come una collana importante, o una spilla appuntata sul petto, faranno in modo di far cadere l’occhio lontano dalle criticità.

E per non dimostrare più anni di quelli che ho…come vestirsi per non sembrare più vecchie?

Un altro problema, che non tutte hanno, ma che quasi tutte sono destinate ad avere prima o poi. Inutile disperarsi o corrucciarsi, meglio seguire qualche facile indicazione per non commettere errori e dare freschezza al look.

Uno delle vecchie regole che ormai tutti i fashionisti consigliano di non seguire più è quella degli accessori rigorosamente in coordinato. A partire dal duo borsa-scarpa. Si deve osare, e se proprio abbiamo paura di rischiare troppo abbandoniamo ogni remora almeno su un elemento della coppia – il più facile è sicuramente la borsa – con un solo colpo di colore vivace. Magari fluo.

Rottura degli schemi anche per quanto riguarda i capi spalla. Scegliere solo ed esclusivamente capi super classici, senza darci un twist con un accessorio o una stampa animalier, può invecchiare anche chi tanto vecchia non è. Lo stesso vale per il tailleur monocolore. Senza perdere in eleganza e charme, si possono spezzare con tessuti ‘tranquilli’, ma mai noiosi! Insomma: è un errore per chi è over anta una scelta troppo da teen ager o esageratamente mix and match, ma anche l’eccessiva monotonia risulta controproducente.

Ultimo tips anti-age in tema di moda e abbigliamento: gli accessori. Old fashioned possono risultare la collana di perle o il foulard (sì, anche quello di Etro o Hermes). Un trucco per attualizzare la prima a gioielli è sposarla a gioielli meno bon ton, che la rendano più divertente. Avete mai pensato a catene o ciondoli un po’ sbarazzini? Il secondo può smettere di avvolgere il collo e andare definire l’acconciatura! Se portate la coda basa, usatelo per legarla, o fatene una una fascia per capelli annodata sulla nuca.

UN REGALO PER TE!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ED ENTRA NELLA COMMUNITY! RICEVI SUBITO IN REGALO IL PRATICO MANUALE DI DECLUTTERING OPPURE IL RICETTARIO FIT!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Cristina Cocco

Influencer

Italo Canadese, amo l'Italia e la sua arte, cultura e gastronomia. Dal Fashion al Food per passare dal Beauty all'Arte.
"Lo spirito del mio Blog? Un Lifestyle a cinque stelle per persone comuni"

Articoli Recenti